Musa

Eppur ti ho amata

più della mia stessa vita,

ma all’istante sei partita

e non avverto le tue dita.

Dimmi dove sei

mia capricciosa amica?

Non irrompe la mania,

né il balenio dell’idea,

non turbi la mia notte,

né delirio or m’inghiotte.

Dimmi dove sei

mia vanitosa amica?

Il calore del tuo fiato,

come te, se dileguato

e non odo la tua voce,

il timbro che seduce.

Dimmi dove sei

mia divina amica?

Mancano i giochi di parole,

la meraviglia che ci vuole,

l’eterna bizzarria,

la smania e la poesia.

Dimmi dove sei

mia perversa amica?

Cerco un’istanza superiore,

per sanar la cecità interiore,

ma già volteggia la ragione

dissenziente alla passione.

Dimmi dove sei

ambrosia nell’arsura?

Senza la tua ebrezza

diserta la bellezza,

l’astro sbaglia cielo

e l’oggi si fa velo.

Dimmi dove sei

Sirena che avvelena?

La tua rosa non ha rosso

e il mare è troppo mosso,

il vento lacera le vele

e il tuo addio è fiele.

Riaprimi la porta

scia di buon profumo,

tra sogni di carta

e nuvole di fumo.

Iago.

musa

 

4 pensieri su “Musa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...