Un Amico non si Dimentica!

Dedicato agli Assenti al Memorial di Luca Maynardi, agli Amici, Parenti che garantivano la loro presenza. Io che sono uno Spirito Libero, non ho peli sulla lingua né timore di dedicarvi questi versi. Mi auguro che la dimenticanza di questo anno non si verifichi anche il prossimo.

Guardatevi dentro.

Saluti.

La dimenticanza…

La scopri…

ogni giorno…

scavando sotto la coltre dell’apparenza,

del perbenismo

e dei faremo…

delle anime da poco…

Figuranti…

Figure spigolanti

dalla parola obliqua,

garanzie tamquam non esset.

Ma non sprecherò altre parole

per immortalare la vostra dimenticanza,

la vostra assenza,

il paradossale nulla…

senza luce…

senza voce.

Un Amico non si Dimentica.

Malvolentieri ,

vi lascio ai vuoti d’indifferenza

che sconosco.

V.

luca m

La Sala degli Assenti

Ogni anno che passa mi cambia.

Tutto pare assumere una via più riflessiva e razionale, così l’istinto e la spensieratezza di bambina sembrano sfumare.

Finisco col camminare per i corridoi della vita e, tra prati fioriti e asfalti bagnati, decido di entrare nella Sala degli Assenti.

Entro, noto che tutto pare diventare albergo per la polvere.

Al centro si ergono le vostre statue, amici. Sempre lucide. Nonostante il tempo scivoli e i dispiaceri restino intrappolati.

Ne deduco che la nostalgia abbia un potere detergente. I simulacri non somigliano ai fantasmi intangibili che siete diventati oggi.

le statue ritraggono quelle sembianze da amici che nella memoria non hanno mai lasciato quelle vesti.

Ma ora ho scelto di chiudere definitivamente la sala, insieme a quella successiva delle “Presenze Assenti” della mia vita.

Ho razionalizzato il colpo, nonostante questo, non muterò il mio essere per qualcuno, non limiterò il mio bene o il mio dare. Analizzerò semplicemente con estrema delicatezza, le persone che meritano di essere realmente chiamate Amici.

Che come diceva Norman Douglas: “per trovare un amico bisogna chiudere un occhio; per tenerlo, due.”.

V.

unnamed

 Immagine presa dal video musicale del cantante rap Dydo, dove ho avuto il piacere di partecipare in veste di fantasma del passato.

Vi lascio il link della canzone: https://youtu.be/qiQvlXhspZg