L’Amore che m’avvolge

L’amore che m’avvolge.
Ardori antichi incendiano il cuor mio,
quasi che da essi
il mondo scaturisse.
Groviglio d’emozioni
è l’amor mio,
fiamma viva
che la mente
non sostiene.
L’ardore che m’avvolge
non nasce dal pensiero
e non è statua d’Ermete,
ma tu sei palude
e scorrere non puoi.
L’amore che m’avvolge
è vampa estrema,
è luce diversa
da ogni altra,
potente e fragile
al contempo.
Leggero e prorompente
è l’amor mio,
un felpato passo
senza impronta,
traboccante di
attenzioni adamantine,
è un fil di seta
che scompare
senza traccia.
Io ora non capisco
se sogno
o son cosciente,
eppure ardo
nell’unicità del tempo
che mi vive.
V.
L'amore che m'avvolge