03~05

Come ogni anno arriva il giorno che non si può cancellare.

Vorrei una tua purificazione oggi, mi basterebbero tracce di lievi linee oniriche…

Le saprei unire per formare il disegno che mi indichi una via, uno strato di senso per ridare religione all’anima.

Immagino il cristallo screziato dei tuoi occhi mentre calpesti viali di foglie estinte e mai proferisci parola.

Ti penso in quella soglia che non vedo, rido dei momenti che ci resero felici. Tienimi stretta, dammi la tua forza, regalami la Pace.

In questo giorno mi sento sempre in un limbo, in una specie di nebulosa sala d’attesa fra i confini della luce e quelli delle tenebre, impalpabile e vaga nella migliore delle ipotesi.

Vorrei seguirti e prendermi le mie risposte, quelle che solo tu mi sapevi dare.

Ma so che ci sono viaggi troppo lunghi per le gambe umane ed io ho ancora della strada da percorrere quaggiù.

V.

UETLIBERG ZURIGO                  Uetliberg, Zurigo